Traccia corrente

Titolo

Artista


Alan Sorrenti

Scritto da il 29 Agosto 2022

Dopo aver pubblicato le prove progressive di Aria (1972) e Come un vecchio incensiere all’alba di un villaggio deserto (1973), che gli sono valse il plauso della critica, Sorrenti è divenuto famoso in Italia grazie alla canzone Figli delle stelle (1977), estratta dall’omonimo album. Il disco è rimasto nella top ten italiana per sedici settimane consecutive ed è risultato essere l’ottavo singolo più venduto dell’anno 1978.
Nato a Napoli da padre napoletano e madre gallese, ha trascorso gran parte della sua infanzia a Aberystwyth, in Galles. Ha iniziato la carriera nei primi anni settanta con lavori vicini al rock progressivo e sperimentale, influenzato dalla vocalità estrema di cantautori come Tim Buckley, Peter Hammill e Shawn Phillips. Nel 1972 ha pubblicato il suo primo album Aria: vi hanno partecipato altri musicisti tra i quali Jean Luc Ponty. Sia Aria (1972) sia il suo secondo album, Come un vecchio incensiere all’alba di un villaggio deserto (1973), hanno la stessa struttura: il brano che dà il titolo occupa un’intera facciata, ed ha una struttura melodica complessa ed elaborata, con testi alquanto ermetici.
I brani delle altre facciate, dal punto di vista musicale, sono meno lontani dalla forma classica della canzone melodica. Particolarmente conosciuti, all’epoca, sono Vorrei incontrarti da Aria e Serenesse da Come un vecchio incensiere all’alba di un villaggio deserto.
Nel 1973 ha partecipato al Festival Pop di Viterbo insieme ad altri artisti come Mauro Pelosi e molti altri.
Nel 1975 ha pubblicato un 45 giri di successo, Le tue radici part I/Le tue radici part II: la canzone, divisa in due parti, è anche presente su LP in una raccolta di successi, e nel 2002 Franco Battiato ne ha inciso una cover nel suo album Fleurs 3.
Gli album Figli delle stelle (1977) e quello successivo L.A. & N.Y. (1979) contengono due dei suoi più grandi successi commerciali, ossia Figli delle stelle e Tu sei l’unica donna per me, incisa anche in lingua inglese, che gli ha fatto vincere il Festivalbar, il 45 giri più venduto nel 1979 in Italia, che nello stesso anno esordì col film girato da Carlo Vanzina. Nonostante il successo commerciale, questi brani pop hanno allontanato gli appassionati della prima ora, alcuni dei quali hanno addirittura considerato un “tradimento” la svolta di Sorrenti, da lui stesso successivamente definita un cambio di stile molto traumatico.
I musicisti statunitensi che sono stati coinvolti nella realizzazione dei due album sono Jay Graydon a quelli che insieme sarebbero diventati i Toto. Nel 1980 ha rappresentato l’Italia all’Eurovision Song Contest con Non so che darei, classificatasi sesta, poi un successo in tutta Europa. Ha poi continuato a pubblicare nuovi album, tuttavia senza più ottenere il successo di vendite avuto sul finire degli anni settanta.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *