Traccia corrente

Titolo

Artista


PRINCE

Scritto da il 27 Giugno 2022

Prince, pseudonimo di Prince Rogers Nelson (Minneapolis, 7 giugno 1958 – Chanhassen, 21 aprile 2016), è stato un cantautore, polistrumentista e produttore discografico statunitense, popolare soprattutto negli anni ottanta e novanta.
La vena artistica musicale di Prince si sviluppò molto presto e lo portò a dedicarsi a composizione, arrangiamento, produzione, canto ed esecuzione dei suoi lavori spesso in totale autonomia. Il cantante è noto per la sua attività pionieristica sia in campo musicale sia commerciale, essendo stato fra i primi a sfruttare Internet per la promozione e la vendita online sul suo sito web.
Nel 2004 la rivista Rolling Stone lo ha inserito al 27º posto nella lista dei 100 migliori artisti, al 30º in quella dei 100 migliori cantanti di sempre e al 33º in quella dei 100 migliori chitarristi di sempre.
È noto al pubblico con numerosi nomi: oltre a Prince, negli anni l’artista ha utilizzato per motivi contrattuali o artistici varie formule come The Artist, sigle come TAFKAP (ovvero “The Artist Formerly Known As Prince”), o persino un simbolo impronunciabile, incrocio fra il simbolo del maschile e del femminile e noto ai fan come “Love Symbol”. Molti anche i soprannomi, i più comuni dei quali sono “genio di Minneapolis” e “folletto di Minneapolis”.
Prince Rogers Nelson nacque a Minneapolis nel 1958, figlio di John Lewis Nelson (1916-2001) e Mattie Della (nata Shaw, 1933-2002). I suoi genitori erano entrambi afro-americani e tutti i suoi antenati della Louisiana. Il padre era un pianista e compositore, sua madre una cantante jazz. Il suo nome deriva dal nome d’arte del padre, per l’appunto Prince Rogers, che suonava in un gruppo jazz chiamato Prince Rogers Trio.
La sorella di Prince, Tika Evene (familiarmente chiamata Tyka), nacque nel 1960. Entrambi i fratelli svilupparono un forte interesse per la musica e questo fu incoraggiato dal padre. Prince scrisse il suo primo brano, Funk Machine, al pianoforte del padre quando aveva solo sette anni. Quando ne aveva dieci, i suoi genitori si separarono. Visse così spostandosi di casa in casa, a volte con il padre e a volte con la madre e il patrigno. Si trasferì poi nella casa dei vicini, la famiglia Anderson, dove fece amicizia con loro figlio André Anderson, che in seguito divenne noto come André Cymone, bassista, compositore e produttore discografico americano.
Prince frequentò la Bryant Junior High e la Central High School a Minneapolis, dove giocò a football, baseball e soprattutto basket, militando nella squadra del college Central’s Junior e continuando a giocare per hobby anche da adulto. Incontrò Jimmy Jam nel 1973 alle medie, che durante le lezioni di musica fu colpito dal suo talento e dalla sua precoce padronanza di una vasta gamma di strumenti, nonché dalla sua dedizione.
Nel 1978, a 20 anni, Prince riuscì a stipulare un contratto con Warner Bros. che lo vide non solo esecutore, ma anche produttore della sua musica, il che lo rese il più giovane produttore discografico fino a quel momento. Prince si chiuse in sala di incisione e pochi mesi dopo ne uscì con il suo primo album prodotto, scritto, suonato e interpretato da lui stesso, dal titolo For You. In realtà Prince venne affiancato da un produttore esecutivo, Tommy Vicari della stessa Warner Bros., che intendeva così controllare il proprio investimento, e da alcuni musicisti, fra cui il suo concittadino Chris Moon che aveva conosciuto prima di firmare il contratto discografico e che co-firmò alcuni brani di For You e del successivo album Prince. For You venne ritenuto un lavoro piacevole, molto ben curato, in linea con la tendenza disco-music dell’epoca, in cui Prince si alterna nel suonare tutti gli strumenti, dimostrando il proprio talento tecnico e artistico e guadagnandosi così il titolo di «nuovo Stevie Wonder».
Nonostante il budget da 180.000 dollari messogli a disposizione da Warner Bros. fosse in origine destinato alla pubblicazione di tre album, Prince lo consumò interamente per il solo For You. Ottenuta comunque ulteriore fiducia dal management, Prince compose e incise il suo secondo album Prince che uscì a ottobre del 1979: composto da pezzi più orecchiabili del primo, ebbe un buon riscontro di critica e soprattutto di vendite, con un milione di copie negli Stati Uniti. Per promuovere l’album si pensò di iniziare un tour, ma poiché i primi due album vennero registrati quasi interamente in solitaria, il cantante non aveva una band che lo accompagnasse. Iniziò così a cercare musicisti in città: i primi a essere reclutati furono la tastierista Gayle Chapman, il bassista André Cymone (suo vecchio amico), il batterista Robert Rivkin (ribattezzato Bobby Z.) il chitarrista Dez Dickerson e il tastierista Matt Fink (che elaborò assieme a Prince il personaggio di Dr Fink vestito con camice e mascherina da chirurgo), che formarono la band di supporto The Revolution (il nome fu deciso successivamente e in questa fase non ne avevano alcuno). Dopo un breve periodo la prima defezione fu quella della Chapman che si rifiutava di eseguire canzoni scabrose come Head, rimpiazzata nel 1980 da Lisa Coleman.
L’idea di Prince per la band era di ispirarsi alla multietnicità di Family Stone, oltre a essere circondato da elementi che fossero dei “personaggi” oltre che musicisti (ipotesi avallata dagli stessi membri in alcune interviste). Il tour dell’album Prince partì come supporto a Rick James in 38 date da novembre del 1979 ad aprile del 1980. Nel corso di una serata, Prince ne conobbe la fidanzata Denise Matthews e la convinse a unirsi al suo progetto di side band che sarebbe diventato Vanity 6. L’episodio segnò l’inizio di un livore personale di Rick James verso Prince, a cui però quest’ultimo non diede mai peso.


Opinione dei lettori

Commenta

La tua email non sarà pubblica. I campi richiesti sono contrassegnati con *